Strettura , quel cartello stradale arruginito è da recuperare

La  STORIA DEL CARTELLO CHE INDICA “ Divieto di Sosta” , da mesi appoggiato lungo il muretto di contenimento del fosso Tevere Nera , sul Ponte di Strettura , lungo la strada che conduce alla Chiesa Santa Maria Assunta , sembrerebbe risolta.

 

Abemus Papam ! Tre mesi di solleciti e telefonate , appunti  da parte dell’interlocutore e rassicurazioni che ad oggi non sono state mai soddisfatte. Quel cartello , vecchio e arrugginito , durante lo scorso inverno venne  ancorato al muro da qualche cittadino  residente  di buona volontà, visto che il palo che lo sosteneva  fui tranciato causa il forte vento . Circa 4 mesi fa, questo cartello trovò la sua ‘giusta’ collocazione appoggiato  sul muretto del fosso acque piovane Tevere Nera e le segnalazioni inviate  sempre passate in cavalleria .

Oggi l’Associazione Valli della Somma , ha segnalato nuovamente il problema! Nella sostanza , sembrerebbe una presa in giro e l’Ase ha garantito l’invio di personale addetto atto al recupero del cartello.

Alla domanda se quel  cartello avesse danneggiato persone o cose, l’interlocutore ha risposto:”

Rivolgetevi al Comune per i danni e risarcimento” , allora Noi ci chiediamo:”

Ma come è possibile , il mancato intervento ed eventuale danno subito , poi è il Comune responsabile , ma l’Ase non è una consorziata del Comune?

I ritardi dopo il danno subiìo e documentato non sarebbe più giusto che fosse l’Ase ad essere coinvolta?

 

Una cosa è certa per ottenere un diritto bisogna alzare la Voce e farsi sentire, ma siccome ci sono soggetti che hanno i cosiddetti 2Santi in Paradiso” , loro ottengono ciò che vogliono, ma non è sempre così, l’Associazione Valli della Somma , sa sempre è stata la Sentinella del Comprensorio , e mai abbandonerà questa sua prerogativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più da Oltre la Somma - La voce libera

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading