Cercasi alloggi per Artisti. Spoleto città chiusa!

IL TEATRO LIRICO SPERIMENTALE DENUNCIA LA MANCANZA DI ALLOGGI A PREZZI ACCESSIBILI PER LE MAESTRANZE STAGIONALI

Pubblichiamo integralmente il comunicato del Teatro Lirico Sperimentale

Spoleto, 13 agosto 2021 – Pur essendo una cittadina di provincia, Spoleto vanta una ricca attività culturale che può fare invidia a quella di molte altre città. Com’è possibile allora che la città non disponga di una adeguata offerta abitativa per tutti quanti i lavoratori che questa attività culturale richiede?

Il boom degli affitti brevi destinati al turismo sta snaturando molte delle principali città italiane, e Spoleto non è immune da tale fenomeno. Negli anni gli affitti sono infatti aumentati in modo considerevole anche a causa della concorrenza spietata delle diverse piattaforme come Airbnb, che mettono i privati nelle condizioni di affittare i propri spazi a prezzi spesso inaccessibili. Tale concorrenza grava anche e soprattutto sulle strutture alberghiere, che pure non mancano quantitativamente e qualitativamente nel nostro territorio.

Questo problema è ormai diffuso globalmente e le amministrazioni delle principali capitali europee stanno cercando di porre rimedio aumentando i controlli e regolarizzando le situazioni non a norma.

Il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli” chiede alle Istituzioni di intervenire a livello nazionale, con una regolamentazione più restrittiva e puntuale, e all’Amministrazione locale di aumentare i controlli e trovare un compromesso tra le esigenze di locatori e locatari.

Ci appelliamo poi ai cittadini di Spoleto, perché mettano a disposizione soluzioni abitative, a pagamento, per artisti e strumentisti. Per coloro, i quali, insomma, contribuiscono con il loro duro lavoro a sostenere l’economia della città, e meritano pertanto di poterci vivere in condizioni oneste.