Cardarelli lancia l’appello:” puliamo siepi e fossi”

Siepi, fossi e ripe di privati lasciati in stato di degrado. Appello del Sindaco Cardarelli

 

Il Sindaco lancia l’Appello  e si rifà alla trascuratezza e il degrado in cui vengono da tempo lasciati molti fossi o siepi di privati . Un immagine   disdicevole, non all’altezza dell città  di Spoleto e di tutto il territorio. Il primo cittadino della Città del Festival  inviata   proprietari ad intervenire rimandano l’invito al senso civico . Questo il messaggio di Fabrizio Cardarelli  si rivolge ai proprietari di terreni privati, confinanti con le strade di pubblica pertinenza, su cui non viene effettuata adeguata manutenzione per la pulitura di siepi o alberi o canali.

“Non è francamente tollerabile – continua il Sindaco – l’indifferenza con la quale si continua ad ignorare questo problema, non solo, com’è ovvio, per una questione formale, quella di una città che proietta di sé un’immagine di incuria e inciviltà, ma anche perché tutto questo rappresenta un potenziale pericolo per la pubblica incolumità. Sono episodi di degrado ambientale che rendono le strade insicure e creano intralci per la viabilità. Ormai da anni esiste una specifica ordinanza che prevede sanzioni severe e queste problematiche, anche se ormai note, sono lasciate al caso, non lasciandoci altra possibilità se non quella di intervenire di conseguenza”.

“Ereditando una situazione economica di grande difficoltà, questa Amministrazione sta facendo sforzi importanti per confermare e per potenziare il profilo di Spoleto come esempio virtuoso di vivibilità e di accoglienza, con un patrimonio ambientale e artistico di eccellenza e rilievo internazionale, nobilitato proprio in questi mesi da flussi turistici in continua crescita e da una nuova vitalità culturale. Questi sforzi rischiano di essere sviliti e contraddetti da alcune situazioni che dimostrano invece abbandono, noncuranza e disinteresse per il pubblico decoro”.

“Il Comune con l’A.Se. si impegna al massimo per coprire oltre 1000km di strade, intervenendo anche in casi dove la pertinenza non è pubblica. E stiamo cercando di migliorare ogni giorno per ovviare al problema. Ma è chiaro che tutti devono fare la loro parte, specialmente quando le risorse sono limitate. È quindi iniquo pensare che l’Amministrazione possa occuparsi di una rete viaria così estesa per risolvere situazioni cui devono invece provvedere, in tantissimi casi, proprio i cittadini. Sarebbe chiedere in sostanza di ricorrere a ingenti risorse pubbliche – che peserebbero quindi direttamente sulla collettività – per sanare, ripeto, criticità che sono di competenza dei privati”.

“Ci sono esempi edificanti, sia in città che nelle frazioni, di come alcuni cittadini hanno provveduto a sistemare egregiamente siepi e fossi, addirittura piantando fiori, penso a Collerisana. Sono proprio questi esempi che devono servire da stimolo per un impegno comune, una battaglia di civiltà, una ferma coscienza collettiva e un rispetto costante per il prossimo in assenza dei quali sono più difficili la gestione della cosa pubblica e la convivenza civile”.

 

Fonte; www.poletonline.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più da Oltre la Somma - La voce libera

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading