Sostegno alle imprese post sisma, Rosario Murro: «gravi ritardi dei bandi regionali»

Intervista al collaboratore del sindaco De Augustinis

(DMN) Spoleto – lo scorso 17 settembre, il sindaco Umberto de Augustinis, ha nominato Rosario Murro suo collaboratore per seguire le  problematiche d’indirizzo, coordinamento e programmazione dei tavoli di partecipazione e confronto fra l’amministrazione comunale, i rappresentanti sindacali e quelle delle imprese.

Rosario Murro, da circa 2 mesi, lei riceve gli imprenditori spoletini nella sede della Confartigianato Imprese Perugia ufficio di Spoleto in V.le Marconi 2.

Ogni Giovedì dalle 9 alle 13 con un obiettivo fondamentale: ascoltare le problematiche economiche dei titolari delle tante Imprese spoletine, tutto questo su un’idea della presidente Valeria Severini e su delega del Sindaco Umberto De Augustinis fortemente interessato alla conoscenza delle difficoltà e delle potenzialità delle imprese locali. Raccogliamo suggerimenti e compiliamo statistiche riferite anche alle capacità delle Imprese locali nei Settori Artigianale, Imprese e del Commercio in genere”

Se dovesse fare una prima sintesi riferita agli incontri nei quali ha partecipato in questi primi due mesi?

“Parlerei subito del Sisma 2016: a tre anni  dal primo terremoto, enormi criticità in Umbria permangono dal punto di vista della ricostruzione e soprattutto nel Settore di aiuti alle Imprese. Oltre alle penalizzazioni dovute ai forti ritardi nella ricostruzione, sono tante le Imprese spoletine che si ritrovano in una situazione di estremo disagio, per alcuni Bandi che sembrerebbe che la Regione Umbria sia in netto ritardo rispetto ad altre Regioni nel Cratere Marche, Lazio e Abruzzo.

Con dati alla mano, se usciamo dai nostri confini regionali e ci rechiamo nelle Marche, in Abruzzo ed in Lazio, notiamo la netta differenza di tempi nel programmare e nel destinare somme alle Imprese. Nelle Marche (scadenza Bando 1° Luglio 2019), La Regione ha messo a disposizione 21.7 milioni di euro di aiuti alle Imprese che realizzano o hanno già realizzato a patire dal 24 agosto 2016, investimenti produttivi e che hanno sede operativa nei Comuni del cratere.

Questi contributi sono a fondo perduto (in conto capitale) a fronte dell’insediamento di nuovi investimenti produttivi anche finalizzati alla realizzazione di nuove unità produttive o all’ampliamento di unità produttive esistenti sulla base di una proposta di Programma di Investimento.

Le spese ammissibili complessive sono comprese tra un minimo di 20 mila euro ed un massimo di 1,5 milioni di euro. In tutto questo, non si capiscono le motivazioni per le quali in Umbria ancora ad oggi non siano pubblicati trattandosi del Decreto legge 189/2016 art. 20 e dal D.M. 10 maggio 2018.

Quale coordinatore Fratelli d’Italia, e di nostra iniziativa abbiamo anche contattato varie volte gli Uffici della Regione Umbria ma, nessuno ci ha saputo spiegare , se o, meno ci fossero tali, o simili incentivi economici a disposizione delle Imprese”.

Lazio pubblicazione bando dal 6 dicembre 2018 chiusura 31 gennaio 2019.

Abruzzo pubblicazione bando dal 15 maggio 2019 chiusura 15 giugno 2019.

Marche pubblicazione bando dal 28 febbraio 2019 chiusura 01 luglio 2019.

Potrebbero interessarti anche...