Un milione di euro per sei mesi: il Comune paga i servizi all’A.se

Quasi un milione di euro per il secondo semestre del 2015. Questa la cifra che il Comune pagherà all’Ase peri suoi servizi. Dalla manutenzione degli stabili alla pubblica illuminazione, passando per la sistemazione del verde cittadino, fino alla custodia dei teatri.

 

La determina dirigenziale relativa all’impegno di spesa, 994.568 euro, è stata pubblicata sul sito online del Comune di Spoleto. Si tratta di tutti servizi esternalizzati in regime di global service, che l’amministrazione affida alla societa Ase. Nel documento del maxi appalto è specificata nel dettaglio, ogni singola voce di spesa. Per la progettazione, realizzazione e manutenzione del verde pubblico: pavimentazioni, lampioni, chioschi, fioriere, arredi florovivaistici, panchine, pensiline, cestini per rifiuti, impianti sportivi,verdi attrezzati con giochi, piattaforme polivalenti del verde pubblico, vanno all’Ase, 252.145 euro. Per la manutenzione di tutti gli stabili di proprietà dell’Ente, servizi di pulizia ordinaria e straordinaria degli immobili di proprietà comunale adibiti a pubblici servizi, pulizia degli spazi teatrali, ne sono stati stanziati 559.821 euro. Si tratta di un servizio anche ispettivo manutentivo, interventi programmati, di carattere migliorativo o straordinario, servizio di gestione delle chiamate dell’utenza tramite call center, servizio di ingegnerizzazione delle attività, individuazione dei bisogni manutentivi del patrimonio edilizio, elaborazione di proposte operative, redazione di studi di fattibilità e formazione per immobili soggetti a gesione del “Fascicolo di fabbricato”. E ancora, dei totali 994 mila euro, una grossa parte, 745.881 euro nello specifico, sono destinati ai lavori che l’Ase dovrà eseguire per il mantenimento delle strade, ossia, manutenzione delle strade preventiva e d’urgenza con uso della macchina “tappabuche”, depolverizzazione stradali, decespugliazioni varie. Per la gestione della segnaletica orizzontale, verticale fissa e variabile e semaforica invece 135 mila euro. Infine la sistemazione della pubblica illuminazione, ben 239 mila euro. I restanti 266.396 euro per la gestione di altri servizi comunali che l’amministrazione affiderà alla società. Come ad esempio, la custodia dei teatri e la gestione personale di sala e sicurezza, il servizio lampade votive, l’organizzazione dei servizi culturali, la gestione del calore.

Pamela Bevilacqua

www.spoletonline.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più da Oltre la Somma - La voce libera

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading