IMU AGRICOLA, Pagamento imposta 2014 possibile fino al 10 aprile

Per l’IMU sui terreni agricoli, relativa al 2014, si potrà pagare, senza incorrere in sanzioni, fino a venerdì 10 aprile 2015:

 

è quanto ha stabilito nella seduta di ieri la Giunta Comunale che, oltre a deliberare la possibilità di effettuare senza sanzioni pagamenti dell’IMU 2014 sui terreni agricoli entro il prossimo 10 aprile, ha anche stabilito che l’imposta dovuta per l’anno 2014 va calcolata con l’aliquota base del 7,06 per mille.

 

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, insieme a quello delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e il Ministro dell’Interno hanno emanato lo scorso novembre il Decreto con il quale si ridefiniscono le esenzioni dei terreni agricoli dall’applicazione dell’IMU. A seguito della decisione del Governo che non solo ridefinisce le esenzioni di pagamento ma che prevede anche un mancato trasferimento nei confronti del Comune di Spoleto di più 720 mila euro (l’importo presunto che il Ministero ha previsto quale gettito sull’imposta dei terreni agricoli) l’Amministrazione si è subito mossa per un’azione di ricorso al TAR – la cui sentenza è prevista il prossimo giugno. L’azione, di cui si è fatta promotrice l’Anci Umbria contro le nuove disposizioni che regolamentano il pagamento dell’Imu sui terreni agricoli, è stata intrapresa per esprimere con forza la preoccupazione per la situazione e per chiedere di fatto al Governo un deciso intervento utile a sanare una particolare condizione allarmante sia per i contribuenti sia per i seri problemi di cassa per i Comuni.

 

Il Governo, a seguito della sospensione del Decreto ministeriale disposta dal T.A.R. del Lazio, ha provveduto ad emanare lo scorso gennaio, un ulteriore decreto con il quale si stabilisce che sono completamente esenti dal pagamento dell’IMU i terreni agricoli e non coltivati nei comuni classificati come totalmente montani e impone il termine di pagamento al 10 febbraio.

 

Il Comune di Spoleto è stato classificato nella categoria P, cioè comune parzialmente montano. Questo significa che l’esenzione del pagamento IMU sui terreni agricoli, secondo il decreto del Governo, è valida solo per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli a titolo principale. Una norma questa che secondo l’amministrazione Comunale rappresenta un vero e proprio balzello imposto dal Governo che va a gravare direttamente sui cittadini. La decisione dell’esecutivo guidato dal Sindaco Cardarelli di prorogare fino al 10 aprile il pagamento dell’imposta è stata presa, si legge nel documento, “per venire incontro alle difficoltà oggettive dei contribuenti dopo l’accavallarsi delle normative emesse, delle decisioni giurisdizionali e alle prese di posizioni pubbliche da parte dell’associazioni di categoria e dei comuni italiani.” L’Amministrazione comunale si è avvalsa, per la proroga dei pagamenti per l’IMU 2014 sui terreni agricoli, di un articolo dello Statuto del Contribuente, dove si dice che le sanzioni non sono comunque irrogate quando la violazione dipende da obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull’ambito di applicazione della norma tributaria.

 

fonte: www.spoletonline.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più da Oltre la Somma - La voce libera

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading